Il nostro blog

23/03/2021
Box auto e posti auto: la compravendita è in calo?

Avere un garage o un posto auto dove poter parcheggiare la propria macchina al giorno d’oggi è quasi un lusso. Soprattutto nelle grandi città, infatti, trovare parcheggio è un’impresa pressoché impossibile, disporre di un posto sicuro in cui poter parcheggiare il proprio mezzo si rivela un problema in meno nelle nostre frenetiche giornate, facendoci risparmiare un sacco di tempo e stress. Inoltre, un box auto può avere altri vantaggi, essendo utilizzabile anche come spazio per riporre biciclette, attrezzature da giardinaggio e altri oggetti ingombranti. Ma i posti auto si acquistano ancora oppure le vendite sono il calo? Vediamo insieme qual è la situazione attuale nella compravendita di box e garage.

Perché è utile avere un posto auto

Comprare posto auto o garage può ridurre di parecchio le nostre preoccupazioni quotidiane. Soprattutto nelle grandi città, infatti, trovare un parcheggio che sia pubblico (quindi gratuito) e custodito è quasi impossibile. Ciò ci costringe a utilizzare un sacco del nostro tempo cercando di trovarne uno, oppure a finire per lasciare l’auto in un posto a pagamento o che non ci convince in quanto a sicurezza. Se stai valutando di comprare casa, probabilmente varrà la pena trovarne una che disponga di un posto per parcheggiare la tua auto. Se invece sei già proprietario di una casa senza un box auto, o vuoi comprarne una che non dispone di questo spazio aggiuntivo, è sempre possibile affittare o investire per comprare un box esterno, separato dalla tua abitazione.

L’acquisto di un box auto è sempre un investimento, poiché se lo spazio dovesse rimanere inutilizzato, sarà sempre possibile affittarlo. La locazione di un garage è decisamente redditizia, molto più che la locazione di un appartamento. Certo, i prezzi di acquisto non sono proprio bassi: a seconda della città nella quale si desidera comprare, i prezzi si aggirano intorno ai 30.000 euro, e aumentano notevolmente se si parla di grandi città come Milano, Roma, Bologna e Firenze. Tuttavia, il costo può essere facilmente (e rapidamente) recuperato se si decide di affittare il box, considerando che i prezzi di locazione si aggirano intorno ai 150-200 euro. Se stai cercando di contenere i costi, invece, potresti considerare di costruire il garage da solo.

Box auto: le tasse da pagare

Come abbiamo visto, comprare un box auto si rivela sempre un investimento conveniente, indipendentemente dall’uso che se ne vorrà fare: parcheggiarvi la propria auto, utilizzarlo come deposito o adibirlo a diversi usi, rivenderlo a un prezzo più alto, oppure affittarlo. Quest’ultima si rivela certamente l’opzione più interessante, dato che, conti alla mano, un garage permette un guadagno annuale che varia tra i 2.000 e i 4.000 euro, ma che può arrivare anche a 7.000 euro se si parla di zone centrali in grandi metropoli. Tuttavia, se decidi di acquistare un posto auto, devi valutare bene alcune cose prima di procedere: in primis, è bene tenere conto delle tasse e imposte che dovrai pagare sul box comprato.

La prima imposta da pagare è l’imposta sul registro, che si fissa al 9% sul valore effettivo del bene. Inoltre, dovrai pagare l’imposta catastale e l’imposta ipotecaria, che hanno tuttavia un costo contenuto di 50 euro ciascuna. Le tasse appena citate si applicano a box esterni, spazi indipendenti separati dalla propria abitazione. Ma attenzione, le cose cambiano se il posto auto è strettamente connesso o appartiene invece all’abitazione di residenza. In questo caso, infatti, il box è considerato “pertinenza”, e per questa ragione sarà applicata un’imposta di registro uguale a quella dell’abitazione, ovvero del 2% calcolata sul valore effettivo complessivo del bene, o sul suo valore al momento della vendita.

Compravendita box auto: previsioni per il 2021

Negli ultimi anni, si è registrato un calo nella compravendita di box e posti auto. La domanda è crollata a partire dal primo trimestre del 2020, quando, secondo l’Agenzia delle Entrate, sono stati acquistati solo 67.210 posti auto in tutta Italia, registrando quindi un calo delle vendite superiore al 16% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, sembra che il calo si stia lentamente arrestando, e che si inizi a intravedere una lieve ripresa della domanda, ma che non comporterà un aumento dei prezzi nell’anno 2021. Più che di una ripresa, sarebbe meglio di parlare di una stabilizzazione, dato che sia la domanda sia i prezzi non sono al momento né in calo né in aumento.

Attualmente, infatti, sembra che la situazione si sia quanto meno normalizzata, con una domanda che resta stabile ma non in aumento. Questo lieve aumento della domanda riguarda in particolar modo le grandi città come Milano, Torino, Genova e Bologna. Secondo gli esperti, è difficile ipotizzare una ripresa vera e propria nel settore immobiliare dei box auto nel 2021, per diverse ragioni. In primis, la crisi economica ha fortemente colpito milioni di famiglie, e nella scala della priorità avere un posto auto non è più considerato indispensabile; in secondo luogo, i cambiamenti nello stile di vita delle persone e nella mobilità cittadina hanno gradualmente portato a un utilizzo sempre più frequente dei mezzi pubblici e del car sharing, e sempre minore di un mezzo privato.

Bonus detrazione box auto 2021

Tra le nuove detrazioni fiscali 2021 per i lavori in casa rientrano anche le detrazioni per il box auto. Si tratta di una detrazione Irpef del 50% sui costi sostenuti per acquistare, costruire o ristrutturare un garage o un posto auto, per un importo massimo di 96.000 euro. La detrazione viene poi effettuata in 10 rate annuali parti al totale dell’importo speso. Rientrano nel bonus solo i lavori di manutenzione straordinaria, e non quelli di manutenzione ordinaria. La detrazione può essere applicata esclusivamente a spazi pertinenziali, che risultino nell’atto dell’acquisto della casa: box auto sotterranei o in superficie, coperti o scoperti e garage. Le spese devono essere effettuate tramite bonifico bancario o postale, mentre non sono accettati pagamenti tramite assegno, contanti o carte di credito.

Box auto 2021: considerazioni finali

Non è possibile, secondo gli esperti, fare delle previsioni certe sull’andamento del mercato box auto per il 2021. La cosa certa è che, dopo un crollo notevole, il settore sembra aver avuto dei segni lievi di ripresa, o per lo meno sembra essersi stabilizzato. È difficile, tuttavia, prevedere un aumento imminente della domanda, proprio perché i posti auto e garage non rientrano più tra le priorità delle famiglie italiane. Tuttavia, ci sono persone che desiderano ancora investire in questo settore, per poter poi trarre guadagno dall’affitto sostanzioso. Possiamo affermare che, dato il momento storico nel quale si trova il settore immobiliare, i prezzi non aumenteranno, e che il 2021 sarà un buon momento per acquistare un box auto come investimento duraturo.

 

Copyright @2018 Powered by Agim | Immobiliare Rubino S.r.l. | Codice Fiscale e P. IVA 04645320724 | Capitale Sociale Euro 100.000
Privacy e cookie policy