Il nostro blog

12/06/2021
Imu seconda casa: come funziona e quanto costa?

Imu seconda casa: questa è una faccenda che a prima vista può apparire abbastanza complessa e nebulosa. Prima di tutto, sembra essere molto chiaro come funziona non specificata quale categorie di case che non sono usate come abitazioni principali viene applicato. In secondo luogo, risulta essere molto complicato effettuare il calcolo della somma da ottenere, al momento del pagamento. Questo articolo, però, sarà disponibile tutto l’aiuto possibile per potersi districare tra le disposizioni governative che sono attualmente in vigore. Inoltre, grazie a esso, sarà finalmente possibile capire quanto potrebbe a venire a costare il possesso di una seconda casa e come si procede al pagamento dell’Imu relativo a essa.

Cos’è l’Imu per la seconda casa?

L’Imu per Imposta municipale propria ed è una tassa che ha sostituito la parte comunale immobiliare dell’Irpef e l’Ici, ovvero l’imposta comunale sugli immobili, nel 2012. La legge numero 147 del 27 dicembre 2013 ha fatto sì che l ‘Imu non doveva essere più pagato per le abitazioni in cui il cittadino dimora nella sua città di residenza. Le persone che devono invece continuare a pagarlo sono quelle che possiedono una seconda casa, ma non solo. La lista, infatti, include i titolari del godimento dell’abitazione coniugale assegnatario dal giudice in caso di divorzio o separazione, nonché i titolari del diritto di usufrutto su fabbricati, aree e terreni edificabili (fonte: Mutui Online).

Nel 2021, la Legge di Bilancio del governo Draghi ha introdotto la seconda novità sull’Imu casa. Per la precisione, le imprese appartenenti ai settori del turismo e dello spettacolo, oltre che i proprietari di stabilimenti balneari marittimi, fluviali e lacuali, di immobili destinati all’agriturismo e di immobili utilizzati come sedi di ostelli della gioventù non sono più tenuti a pagare la tassa. La condizione primaria è che i suddetti proprietari siano anche i gestori delle loro attività. Ma attenzione: ci si riferisce alla prima rata, se si paga l’imposta in due mesi differenti, come si vedrà a breve, nella parte sui tempi ei modi di pagamento (fonte: Money.it).

Le categorie tenute al pagamento dell’Imu sulla seconda casa

Il pagamento dell’Imu seconda casa è obbligatorio se l’immobile è di lusso. Ci sono tre categorie catastali in cui classificare tali edifici. La prima è la A/1. Vi rientrano gli immobili che a fabbricati situazioni in zone di pregio con caratteristiche caratteristiche, costruttive e di rifiniture superiori a quelle dei fabbricati residenziali. In breve, si parla di abitazioni di tipo signorile. La seconda è la A/8. Vi rientrano le ville. Ovvero gli immobili che sono stati edificati in un parco o in un giardino. Oppure immobili costruiti in zone destinate all’edificazione di ville o in zone di pregio con caratteristiche superiori a quelle ordinarie (fonti: Idealista e Amministrazioni Comunali).

La terza è la A/9. Vi rientrano i palazzi eminenti ei castelli. Per la precisione, ci si riferisce ai palazzi di un determinato valore artistico e ai castelli che costituiscono un’unica unità immobiliare. Il motivo risiede nella loro struttura e negli spazi dei volumi edificati e degli interni. Queste caratteristiche non si rendono gli edifici in questione paragonabili a quelli che trattano alle altre categorie catastali. Tra gli immobili classificazioni nella categoria A/9, sono inclusi i castelli di cui lo Stato è proprietario, anche se all’interno di essi sono presenti dei musei, delle biblioteche e delle pinacoteche accessibili o meno al pubblico (fonti: Idealista, Amministrazioni Comunali e Visurasi.it).

Come si calcola l’Imu sulla seconda casa?

Il proprietario di una seconda casa, al momento di pagare l’Imu, deve moltiplicare il valore del suo immobile per la percentuale di possesso, per i mesi di possesso e per l’aliquota e poi dividere il risultato per 12. In breve: VI x PP x MP x A / 12. L’aliquota base è equivalente a 0,76%, ma può aumentare o aumentare una seconda delle scelte del proprio Comune di residenza. Tra i parametri di calcolo che bisogna tenere in considerazione per calcolare l’Imu sulla seconda casa, ci sono la rendita catastale non rivalutata dell’immobile e la rendita catastale non rivalutata di tutte le eventuali pertinenze dell’immobile (fonti: Mutui Online e Tutto Imu).

L’ Imu seconda casa ha avuto delle agevolazioni nel corso degli anni. Per esempio, la Legge di Stabilità numero 208 del 28 dicembre 2018 ha determinato una riduzione pari al 50% della base imponibile per gli edifici a scopo abitativo che i proprietari hanno concesso in comodato come abitazione principale a figli e genitori, nel rispetto di determinate condizioni . Inoltre, l’Imu si riduce al 75% nel caso degli immobili che i proprietari hanno concesso in locazione a canone concordato. Infine, le cooperative edilizie i cui immobili ospitano gli studenti universitari (che possono anche non essere residenti, purché siano soci assegnatari) sono esentate dal pagamento dell’Imu sulla seconda casa (fonte: Tutto Imu).

Come si paga l’Imu?

L’Imu sulla seconda casa si può pagare nell’arco di uno tra due periodi a tua scelta. Il primo è nel mese di giugno, e lo si paga per intero. Il secondo è suddiviso tra giugno e dicembre, e quindi puoi pagare la tassa in due rate separate. Ci sono tre metodi con cui puoi pagare l’Imu. Il primo consiste nell’utilizzare un bollettino postale che sia compatibile col modello F24. Il secondo include l’uso del suddetto modello F24. Il terzo consiste nel visitare la piattaforma online PagoPA, grazie alla quale puoi effettuare i tuoi pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in una modalità standardizzata (fonti: Tutto Mutui, Money.it e il sito di PagoPA).

Imu seconda casa: conclusione

A questo punto, si hanno tutte le informazioni utili per il pagamento dell’Imu sulla seconda casa. Ci si ricorda che si è tenuto conto delle leggi attualmente in vigore che, come si è visto con la Legge di Bilancio, possono cambiare in seconda delle circostanze. Un ultimo appunto, però. L’Imu include sia la precedente imposta sulle abitazioni che la Tassa sui rifiuti, meglio conosciuta col nome di Tari. Se per qualche ragione la seconda casa fosse inagibile o inabitabile, e pertanto non produrresse rifiuti, si potrebbe essere esenti dal pagamento della Tari. Ma è necessario presentare la Dichiarazione Tari entro il 30 giugno di quest’anno per poterne beneficiare (fonte: Leggi Oggi).

 

    Copyright @2021 Powered by Agim | Immobiliare Rubino S.r.l. | Codice Fiscale e P. IVA 04645320724 | Capitale Sociale Euro 100.000
    Privacy e cookie policy | Gestisci Cookie Policy
    x